Come Schiarire i Capelli in Modo Naturale

Risulta essere giusto sapere che per schiarire i capelli, non esiste un metodo non aggressivo, e ribadisco non esiste.
Per schiarire purtroppo bisogna togliere cheratina ai capelli, a quel punto i capelli saranno definitivamente danneggiati (e fidatevi non esistono shampoo o balsami riparatori, una volta che i capelli sono danneggiati, per riparare c’è solo da tagliare).

Per metodi naturali quindi si intendono i prodotti che donano ai capelli un riflesso dorato, ma non significa che schiariscono i capelli (se usi questi metodi e sei castana scura, rimarrai castana scura ma avrai qualche riflessino dorato al sole).

Ma non preoccupatevi, parlerò sia dei prodotti che donano riflessi dorati, e sia dei prodotti che schiariscono cercando di danneggiare meno possibile.

Prodotti naturali che donano riflessi dorati
Il più conosciuto è la camomilla, un bell’infuso di camomilla aiuta senza dubbio a rendere più brillanti i capelli,
Il miele, oltre ad essere idratante per i capelli, se tenuto in posa, anch’esso aiuta a donare bei riflessi dorati.
Il burro di karitè, è anche un nutriente e in accoppiata con altri prodotti (come quelli sopra citati) aiuta molto a migliorare il riflesso dei capelli.
L’olio di germe di grano, un po’ difficile da trovare, ma ottimo anch’esso
Lo zenzero, un po’ cara,ma buono, messo in un impacco fa il suo dovere.
La curcuma, costa poco e si trova facilmente nei negozietti etnici che vengono spezie per la cucina, tinge di un giallo acceso, quindi se si è già bionde meglio evitare per non sembrare un evidenziatore
Il curry non è male, peccato solo che irriti molto la testa, quindi bisogna stare attenti.
L’hennè biondo, ribadisco che non schiarisce ma dona luce ai capelli.
L’uovo aiuta molto, non ne conosco il motivo per il quale dona riflessi dorati, ma su di me ha dato quest’effetto, oltretutto è un ottimo nutriente per i capelli.

Inoltre anche la birra e il limone schiariscono i capelli e donano riflessi dorati, ma questi sono aggressivi, per questo non li ho citati.

Questi sono gli ingredienti che possono essere presenti in un vostro prossimo impacco che aiuterà a schiarire i vostri capelli (più in là vi lascerò qualche mia ricetta degli impacchi, e non scandalizzatevi se metto queste cose in testa :P)

IMPACCHI SCHIARENTI

–Camomilla + burro di karitè + miele: fare un infuso bello stretto di camomilla, prendere una noce di burro di karitè e scioglierla nella camomilla, toglierla dal fuoco e mettere anche un cucchiaio di miele (più scuro è e più dovrebbe lasciare riflessi).
– Camomilla + karitè + miele + olio di germe di grano + limone + curry+ uovo. bene ho già detto tutti gli ingredienti… più o meno è lo stesso procedimento di prima, si fa l’infuso di camomilla, poi la noce di burro, poi si mette il limone, infine un po’ di oplio di germe di grano, miele, curry ( o altre spezie che ho elencato prima) e l’uovo sbatturo in precedenza per dare più consistenza.
– Gel di semi di lino* alla camomilla: il gel di semi di lino* si fa in casa (QUI la ricetta), è facile ed economico da fare, per fare questo impacco schiarente però invece della semplice acqua ci serviremo di un infuso di camomilla, su 250ml di acqua useremo 40 grammi di semi di lino, i metodi per fare questo gel sono 2, o a freddo o a caldo, quello a freddo basta lasciare i semini nell’acqua e camomilla una notte, e poi il mattino dopo dovrebbe essere pronto il gel, oppure a caldo, portando ad ebollizione l’acqua con i semini dentro, e lasciare riposare, per entrambi i casi togliere i semini e tenere il gel in frigo che dura da una settimana a 10 giorni, questo va applicato sui capelli, ma prima potete anche mettere limone o miele o anche qualche spezia… ma perchè no anche una noce di burro di karitè.
– Gel ai semi di lino* + balsamo: questo è schiarente ma al contempo nutriente, dunque attuare lo stesso procedimento di prima, cioè semi di lino con acqua e camomilla, poi mettere 2 cucchiai di miele, un cucchiaino di karitè, mezzo cucchiaino di olio di germe di grano ed un cucchiaio del vostro balsamo preferito.- Gel ai semi di lino (rinforzato con camomilla)* + uovo: Di certo l’odore non sarà dei migliori, ma da un bell’effetto, fare l’infuso di camomilla, fare il gel ai semi di lino* con quest’infuso, farlo molto stretto e gelatinoso, aggiungerci un uovo, applicare in testa, e avere cura di mettere un’asciugamano al collo, siccome molto probabilmente inizierà a colare. Tenere su almeno un’ora- Hennè neutro + limone : si tengono a riposo per 24 ore, dopo si applica per circa 2 ore, dovrebbe donare dei bellissimi riflessi dorati.*Qui la ricetta per il gel ai semi di lino

Schiaritura inglese : schiarire i capelli in modo naturale
Ora passiamo alla vera e propria schiaritura, quella che fa male

Dunque oltre ad usare l’ossigeno a 30 volumi, posso dirvi altri modi per schiarire i capelli, ma dovete stare attenti a continuare a curare i capelli.

Esiste un metodo chiamato schiaritura inglese, che funziona davvero, ma bisogna avere pazienza (e non vi nego che avrete anche i capelli più morbidi dopo questo trattamento)

La schiaritura inglese è un metodo facile per schiarire, non troppo aggressivo, e graduale.

La ricetta è questa:
6 cucchiai di acqua distillata
1 cucchiaio di miele (anche il millefiori va bene)
1/2 cucchiaio di olio d’oliva
un cucchiaino di cannella, o zenzero.

La ricetta NON PUO’ assolutamente essere modificata, perchè proprio in queste proporzioni il miele riesce a creare perossido di idrogeno, che aiuta a schiarire i capelli.

Mischiate il tutto fino a renderlo omogeneo, poi mettete da parte ed attendete un’ora, travasate il contenuto in un contenitore che abbia il dispenser o anche uno spruzzino, comunque sia essendo una soluzione liquida bisogna trovare il modo per applicarlo (senza impazzire), quindi potete usare un dispenser del sapone come già detto, o uno spruzzino, o in un bicchiere col beccuccio e con molta calma lo si versa in testa. Mi raccomando mettete un’asciugamano sul collo, la soluzione creata andrà a colare inevitabilmente, ma voi siate pazienti.
Lasciate in posa per almeno un’ora, non usate phon credendo di aumentare l’azione schiarente, dopo potrete lavare.
Per chi è chiara i primi risultati si vedranno subito, ma per le più scure bisogna attendere qualche applicazione in più (minimo 3-4).

Adesso vi spiego cosa fa il miele, dunque il miele insieme all’acqua contribuisce al rilasciare perossido d’idrogeno ma in minimo volume infatti arriverà massimo sui 2-3 volumi, quindi non sarà mai come l’acqua ossigenata o come la lozione shultz per questo non danneggia il capello, anzi essendoci il miele dovrebbe anche far bene ai capelli e nutrirli. Quindi armatevi di pazienza e di acqua distillata (quella per il ferro da stiro).
Schiaritura con lozione schultz
Ecco un cattivo esempio di pubblicità, la lozione schultz pubblicizza che schiarisce grazie la camomilla, in realtà non è vero, siccome al suo interno c’è l’ossigeno, a 12 volumi se non erro che aiuta a far schiarire i capelli in modo naturale.

Molti parlano malissimo di questo prodotto, considerandolo più aggressivo dell’acqua ossigenata a 30 volumi, in realtà avranno utilizzato male il prodotto.

Io, da più di un anno, schiarisco i miei capelli hennati con la lozione schultz applicata una volta al mese o una volta ogni 2 settimane sui capelli appena lavati, o aggiungo un tappino di lozione nei miei impacchi.

La lozione non è aggressiva se sapete usarla.
Io imbevo un batuffolo di ovatta e lo passo su tutti i capelli, senza esagerare.

Ho cura, però, a fare sempre impacchi nutrienti per far si che i miei capelli, ormai un po’ danneggiati dalla schiaritura, siano sempre abbastanza in forma.
Ovviamente più un capello e doppio e meno ne risentirà di una schiaritura, più il capello è fino e più si disintegrerà facilmente.

Nota importante: Mi dispiace dirlo, ma le ragazze castane, castane scure o more, purtroppo schiarire con questi modi sarà una cosa difficile, siccome per arrivare al biondo il proprio capello dovrà passare per l’arancione, oltretutto non sarà un bell’effetto vedere dei capelli biondi con una ricrescita abbastanza scura, però posso suggerirvi di usare l’hennè ed avere un bel mogano senza rovinare i capelli :).

ULTIMO RISCIACQUO SCHIARENTE
Per ultimo risciacquo si intende proprio l’ultimo risciacquo dei capelli, dopo averli lavati con lo shampoo, dopo aver messo il balsamo, dopo aver pettinato e riacqiacquato, l’ultima cosa da fare prima di asciugare i capelli è fare un risciacquo con acqua distillata, siccome il calcare presente nell’acqua corrente, renderà opachi i nostri capelli, ovviamente a quest’acqua possiamo aggiungere altri ingredienti per far si che quest’ultimo risciacquo giovi anche al colore di quest’ultimi. Mi raccomando per ultimo risciacquo si intende ULTIMO, non che andate poi a risciacquare nuovamente, se no non ha senso farlo.
–Acqua e limone: io non so precisamente le dosi spesso vado ad occhio (sbagliando come stasera che mi sono trovata i capelli secchi) ma comunque sia in un litro d’acqua dovrebbe andare il succo di mezzo limone, è abbastanza aggressivo, siccome secca la cute ed i capelli, ma una tantum non dovrebbe fare molto male, oltretutto il ph acido del limone aiuta a lucidare i capelli, siccome i nostri capelli hanno ph 4,5.
– Aqua e camomilla: il solito infuso di camomilla, non lascia i capelli unti, anzi potrebbe lasciarli un po’ secchi, io ingenere alla camomilla aggiungo il limone.
– Acqua, camomilla e miele: penso sia un po’ extreme considerando che il miele tenderebbe a sporcarli, una volta l’ho fatto ma esagerai un po’, quindi consiglio un solo cucchiaio di miele in 2 litri d’acqua, il miele è idrosoliubile, raccomandatevi di girare bene.
– Acqua e birra: non so bene le percentuali, ma non credo ci voglia molta birra, comunque dovrebbe schiarire, forse l’unico problema è la puzza… vabbè poi ognuno ha i propri gusti.-Acqua e curcuma: Bisogna andare cauti, siccome basterebbe solo far in modo che l’acqua si colori con la curcuma, quindi aggiungete piano piano dei piccoli cucchiaini di curcuma, e girate, la polvere di curcuma andrà a depositarsi sul fondo, voi abbiate cura di togliere la curcumal, e riversare sui capelli solo acqua gialla :)Per schiarire i capelli o per rimediare a tinte troppo scure clicca QUI
Penso di avervi detto tutto sulla schiaritura, e spero di essere stata chiara, per qualsiasi altra domanda basta contattarmi oppure lasciarmi un messaggio.

Come Fare un Impacco al Cacao Anti Cellulita

Sì avvicina l’estate e tutte desideriamo gambe più belle, e vorremmo poter dire addio alla cellulite.

Purtroppo la cellulite non è una malattia (come dicono le pubblicità) ed essendo una cosa insita delle cellule del grasso non può essere combattuta (se non con la chirurgia) l’unica cosa che possiamo fare è cercare di migliorare l’insieme di inestetismi cutanei tipici, come il colorito spento, o le fossette ed i buchetti.

Ciò che può aiutarci sono gli impacchi al cacao, perchè contenenti teobromina, che stimola la lipolisi favorendo la riduzione della massa adiposa.

Passiamo dunque alla pratica

Armatevi di cacao amaro in polvere (non è necessario che sia magro, anzi se non è magro vi aiuta maggiormente ad idratare la pelle),
e dell‘acqua tiepida, mescolate ben bene fino ad ottenere un fango liscio e spalmabile.

Io usai 3 cucchiai di cacao ed erano anche troppo (io ho una bella cosciotta), considerate però che una
volta fatto, anche se rimane potete congelarlo e scongelarlo, almeno credo che il risultato debba esserci lo stesso

Lo applicate nelle zone interessate (in genere sulle cosce :P)
Il tutto tenderà a seccare (e se secca non agisce) quindi prendete la pellicola o delle buste o anche del pezzi di stoffa così che potete lavare e non inquinate :PP, e arrotolatevi dentro :P.

Vi suggerisco di tenerli su almeno mezz’oretta. Chi ha creato l’idea suggerisce inoltre di fare una fase d’attacco, cioè farlo una volta al giorno per 3 giorni di fila, e poi continuare una volta a settimana, almeno per un mese.

La cosa IMPORTANTE è fare l’impacco lontano dai pasti, siccome l’insulina in circolo potrebbe vanificare l’azione, e anche se lo applicate dopo aver fatto sport ancora meglio.

Inoltre non si hanno pareri sicuri sulla questione capillare (perchè in genere si dice che i fanghi peggiorano la situazione dei capillari alle gambe) però per le varie testimonianze sulla rete, nessuna ha lamentato problemi.

Infine c’è chi suggerisce di mettere in caffè invece dell’acqua che dovrebbe aiutare ancora di più, similmente potreste usare un infuso di centella o di edera. Insomma è tutto da provare.

Per mia esperienza posso dire che appena fatto l’impacco, e dopo aver risciacquato, c’era già un effetto tensore sulla coscia (chi sa forse effetto placebo), comunque l’impacco funziona davvero. Ovviamente per far si che funzioni meglio vi consiglio di bere molto, che di sicuro aiuta.
E vi garantisco che la pelle della gambe sarà più liscia, e più idratata (a causa del grasso presente nel cacao) e profumerete di cacao (che a me piace tantissimo).

Spero di aver detto tutto, fatemi sapere cosa ne pensate.

Come Fare il Gel ai Semi di Lino

E rieccomi qui con un nuovo post, stavolta parlerò di cura dei capelli, e spero vi interessi.

Il gel ai semi di lino è un gel che viene fuori grazie ai semi di lino, che a contatto con l’acqua secernono un gel molto viscoso.

Questo gel ha numerosi vantaggi per la cura dei capelli, li nutre, li lucida, li rende morbidi, inoltre è un rimedio molto economico. Ma iniziamo con ordine.

Cosa sono i semi di lino?
Beh come potrete facilmente intuire sono dei semi, che già in epoca preistorica erano conosciuti per le sue fibre, che costituiscono un ottimo filato, dal quale si ricava un tessuto molto pregiato. I semi sono utilizzati sia a scopo alimentare che a scopo curativo, essendo ricchi di acidi grassi essenziali. Ha taaaante proprietà benefiche, ma noi ci soffermeremo a ciò che riguarda la cura dei capelli, come già detto all’inizio.

Come si crea il gel ai semi di lino?

E’ semplicissimo, certo all’inizio vi sembrerà di fare casini su casini, ma col tempo tutto diviene più semplice.

La ricetta è:
-80 gr di semi di lino
-1/2 lt di acqua demineralizzata- un pizzico di sale
(a questo si può aggiungere limone, o miele)

Ci sono 2 modi per farlo, o a caldo o a freddo, in entrambi i casi dovrete mettere i semi di lino in uno scolino, e l’acqua in un pentolino, nel quale entrerà lo scolino (vedi foto).
Nel metodo a freddo lo scolino, con all’interno i semi, si appoggia nell’acqua e si lascia stare una notte, ino a che i semi non rilasciato un gel molto viscoso, in quel momento dovrete sollevare il colino dall’acqua e lasciar scendere il gel che si è andato a creare, ovviamente il gel più buono sarà attaccato ai semi.
Per il metodo a caldo, invece, il procedimento è uguale, solo che dovrete mettere il pentolino e lo scolino sul fuoco e dovrà bollire per circa 10 minuti, voi continuerete a girare, e si formerà una schiuma densa, lasciate riposare, poi alzate il colino come nel procedimento a freddo.

La Conservazione
E’ una bella nota dolente questa, siccome il gel va a male dopo 2 giorni se tenuto in frigo, quindi per chi ha un conservante idrofilo può tranquillamente tenerlo mesi conservato, mentre per chi non ha un conservante io consiglio di mettere il gel nel “portaghiaccio” e metterlo in congelatore, quando serve si tirano fuori i cubetti di gel necessari e si scongelano, così potrete far tanto gel e averlo sempre a disposizione.

Come si usa?
Questo gel può essere messo direttamente sui capelli come impacco pre-shampoo, oppure come “co-ingrediente” per un impacco sempre per i capelli.

Oppure per le ricce, è la soluzione economica, ecologica, e che fa bene ai capelli. Si prende una piccola quanità di gel si spalma sulle mani e poi si applica sui capelli, molto ma molto meglio della spuma, un ottimo sostituto insomma.

Dove si acquistano i semi di lino? E quanto costano?
I semi di lino sono considerati mangime per uccelli, quindi io li compro a chilo nei negozi che vendono mangimi per animali, oppure li trovate in erboristeria (ma il prezzo aumenta esponenzialmente).

In genere nei negozi dei mangimi per animali riuscite a trovarli a 4-5 euro al chilo in media, mentre per le erboristerie li trovate a 2 euro ogni 100gr significa 20 euro al chilo, certo saranno puri, saranno eco-bio, saranno trattati nel modo migliore possibile, ma è 4 volte maggiore il prezzo, quindi io consiglio sempre la prima alternativa.

Spero di aver detto tutto, qualsiasi dubbio non esitate a contattarmi.